Presto in arrivo in Italia le Videolotterie

Presto in arrivo in Italia le Videolotterie

Scritto il 07/09/09 - da Giacomo Gaggiotti Notizie

Il terremoto in Abruzzo, e la seguente necessità di fondi per la ricostruzione, ha spinto il governo italiano ad accelerare l'introduzione delle Videolotterie nel Bel Paese. Il ministro dell'economia in persona, Tremonti ha dichiarato che tale novità è fondamentale per sostenere il gettito fiscale atteso di 500 milioni di euro nel periodo 2009-2011.

videolotterieI giochi di questo tipo sono già una consuetudine negli Stati Uniti e in molti paesi europei, e consistono in un terminale interattivo gestito in remoto; in altre parole tutte le postazioni  singole installate sul suolo nazionale faranno capo ad un controller centrale che gestirà in tempo reale le estrazioni ad intervalli prestabiliti. La grande novità rispetto alle slot tradizionali o alla lotterie istantanee, già esistenti, sta nell'interattività del gioco e nel fatto che sono consentite scommesse multiple di ogni tipo. In questo modo il gioco diventa  sicuramente più coinvolgente ed avvincente, e aumentando la partecipazione dello scommettitore, ne aumenta anche la responsabilità nel gioco stesso. Ognuna delle nuove macchine costituisce una piattaforma e offrirà un bouquet da 5 a 10 giochi che potranno essere via via aggiunti o rimossi a seconda del successo presso la clientela dell'esercente. Ognuno dei terminali sarà dotato di apposite periferiche per l'accettazione di banconote, monete e ovviamente carte di credito. A gestire le concessioni di questi nuovi portali per il gioco sarà la società Lottomatica, che provvederà anche alla gestione tecnica e finanziaria dell'operazione con il logo "NewSlot".

L'importanza dell'introduzione di questa novità nel mercato può essere compresa guardando ad uno dei paesi più prossimi all'Italia dal punto di vista geografico e culturale: la Francia. Oltralpe infatti, dove le videolotterie si chiamano "Rapido", la raccolta di questo particolare gioco costituisce ben l'84% del totale dei giochi! Anche altri paesi europei come Svezia, Danimarca, Bulgaria e Romania hanno visto un grande successo di questi giochi, con conseguente beneficio sul gettito erariale.