Origini del Keno




LA STORIA ANTICA DEL KENO

Intorno all'anno 200 a.C., antichi papiri cinesi parlano di un sovrano, Cheung Leung della dinastia Han, che inventò un gioco simile al Keno. La storia dice che la città di Leung era impegnata in una guerra da molti anni e aveva carenza di denaro e di provviste. Il mito afferma che i cittadini della città di Leung non volevano più contribuire ai fondi di guerra. Per fare soldi per le provviste, Leung inventò un gioco molto simile al Keno, tranne che invece di usare 80 numeri egli usò 120 simboli. Il gioco fu un successo immediato e aiutò a salvare la città. Si dice anche che il Keno aiutò a raccogliere fondi per la costruzione della Grande Muraglia.

Nella Cina antica, il Keno era noto come il "gioco della Colomba Bianca". Evidentemente, erano usati piccioni viaggiatori per trasportare i numeri vincenti dalle grandi città ai piccoli villaggi.

LA STORIA MODERNA DEL KENO

Il Keno arrivò in America con gli emigranti cinesi, molti dei quali si stabilirono nella West Coast in posti come San Francisco, durante la metà del 19° secolo. Con questo afflusso di immigrati vennero importate varie usanze tipiche della cultura cinese. Il gioco continuò a essere giocato in America e presto divenne noto come la 'lotteria cinese'. 

Dapprima, il Keno ebbe problemi a penetrare nell'America profonda, principalmente perché la 'lotteria cinese' era ancora giocata con i simboli originali. Con l'evoluzione della lotteria nella sua forma corrente con i numeri, la sua popolarità esplose. 

Il gioco fu legalizzato nel Nevada nel 1931; tuttavia, il lotto non era legale nei casinò. Per bypassare la legge, i casinò cambiarono nome da 'lotteria cinese' a 'keno della corsa dei cavalli'. L'idea fu che invece del lotto un giocatore doveva scegliere un cavallo con un numero e sperare che il cavallo venisse sorteggiato nell'estrazione. 

Presto il governo dello stato creò una legge che tassava il gioco d'azzardo e i gestori dei casinò del Nevada dovettero adattarsi velocemente. Essi cambiarono di nuovo il nome, questa volta semplicemente in "Keno", che è come viene chiamato il gioco oggi.

Il Keno ha una delle storie più lunghe di tutti i giochi del casinò.

Il Keno in Italia

Sebbene siamo di fronte ad uno dei giochi più longevi nella storia del gambling e dei casinò, il keno non si è diffuso con la stessa capillarità in tutto il mondo. In Europa è poco conosciuto e in Italia è praticamente assente. Nessuno dei quattro casinò italiani (Campione d'Italia, Venezia, Saint Vincent e Sanremo) offre attualmente un tavolo di keno. E la sensazione è che, ormai, questo gioco sia destinato a rimanere chiuso fuori dai confini del nostro Paese.