Notizie della settimana dal Casinò World

Notizie della settimana dal Casinò World

Scritto il 04/04/14 - da Morganti, Ana Notizie

I risultati del primo trimestre 2014 dei casinò italiani, la situazione delle possibili sale da gioco in Sicilia e tanto altro ancora.

Si è chiuso il primo trimestre dei casinò italiani, con notizie tutto sommato positive per Venezia, Sanremo e Campione d'Italia. In Sicilia, intanto, continuano ad aspettare l'ok per l'apertura di una sala da gioco a Taormina e Palermo. Uno sguardo anche all'estero, più precisamente in Spagna, a Macao e a Las Vegas.

I casinò italiani partono col piede giusto

Nei giorni scorsi sono usciti i dati relativi al primo trimestre 2014 di tre dei quattro casinò italiani (mancano solo quelli di Saint Vincent).

Cominciamo con Campione d'Italia, dove gli incassi sono aumentati del 3,7%, con un mese di marzo particolarmente proficuo (+6%) ad alzare la media. bene anche il numero degli ingressi, salito del 6,5% rispetto al primo trimestre del 2013.

Passando al Casinò di Venezia, i 28,3 milioni di euro incamerati nei primi tre mesi del 2014 rappresentano un miglioramento dell'1,31% rispetto all'anno scorso, quando il dato si fermò a circa 27,9 milioni. Qui, però, a differenza di quanto accaduto per Campione d'Italia, marzo è stato il mese peggiore dei tre, con un calo del 2,7%. Fortunatamente gennaio e febbraio sono andati talmente bene da mitigare i risultati di marzo.

Il Casinò di Sanremo, infine, è quello che ha fatto più fatica. Febbraio e marzo sono serviti a recuperare il dato di gennaio, una perdita del 10% sul 2013, limitando i danni per un primo trimestre che ha fatto segnare incassi di 10,5 milioni di euro. Soprattutto il terzo mese dell'anno è stato decisivo nella rimonta.

Casinò in Sicilia, si aspetta il sì del Governo Renzi

Trasferiamoci a sud, più precisamente in Sicilia, dove ancora stanno attendendo che il Governo Renzi prenda in esame il ddl Leanza, quello che dovrebbe portare all'apertura di un casinò a Palermo e di uno a Taormina. Attualmente non ci sono tempistiche che possano far pendere l'ago della bilancia verso l'ottimismo o il pessimismo, sebbene le recenti dichiarazioni del Ministro dell'Interno Angelino Alfano siano state confortanti. Alfano ha dichiarato che si batterà in prima persona per permettere alla Sicilia di aprire due casinò, che porterebbero nuovi posti di lavoro e un'iniezione di capitali attraverso il rilancio del turismo.

Barcellona World si farà!

Proprio quando sembrava che il progetto dovesse arenarsi per questioni fiscali, in settimana è arrivato l'accordo tra Artur Mas (presidente di Generalitat) e Pere Navarro (leader del Partito Socialista): Barcellona World, il nuovo progetto di casinò resort da 4,5 miliardi di euro, si farà.

A quanto pare i lavori dovrebbero cominciare dopo l'estate e dovrebbero creare la bellezza di 17.000 nuovi impieghi. Poi, una volta che Barcellona World sarà a pieno regime, i posti di lavoro generati dovrebbero essere addirittura 30.000.

Macao vola, Las Vegas sprofonda

Si allarga sempre più la forbice tra Macao e Las Vegas, i due poli del gioco d'azzardo mondiale. I 4,4 miliardi di dollari incassati dalle sale da gioco dell'ex colonia portoghese, nel mese di marzo, rappresentano il terzo miglior risultato di sempre, e seguono il record di 4,8 miliardi fatto segnare a febbraio. Nel computo con il 2013, i casinò di Macao sono arrivati a un +19,8% nei primi tre mesi dell'anno (+13,1% solo a febbraio).

Il Nevada, per contro, deve fare i conti con l'ennesima crisi di risultati: a febbraio le sale da gioco hanno perso addirittura il 13,7% nel confronto con lo stesso mese del 2013, dopo che già a gennaio le perdite si erano assestate sul 2,7%. 926,1 i milioni di dollari incassati dalle sale da gioco del Silver State, una cifra che è meno di un quarto di quella di cui possono vantare i casinò di Macao. E se prendiamo in esame solo Las Vegas, il calo è ancora più marcato: -20,1% per i casinò della Strip.

Sheldon Adelson di nuovo contro il gioco online

Rimanendo negli Stati Uniti d'America, segnaliamo un nuovo spot promosso dalla Coalition To Stop Internet Gambling, l'associazione creata da Sheldon Adelson che vuole bandire il gambling online negli USA. Un messaggio di poco più di un minuto, rivolto soprattutto ai più giovani, dove si accomunano giochi quali Angry Birds e Candy Crush Saga con i giochi d'azzardo. Uno spot che ha fatto molto discutere, visto che lascia intendere esplicitamente come chi utilizza i giochi di chi sopra rischia di diventare un gambler compulsivo.