Mississippi, i casinò nel baratro con guadagni sotto la media

Mississippi, i casinò nel baratro con guadagni sotto la media

Scritto il 06/02/14 - da Esposito, Francesco Notizie

Nel 2013, le sale da gioco hanno fatto segnare incassi pari a 2,25 miliardi: mai così male dal 1997.

Pessime notizie per i casinò del Mississippi. Nel 2013, il volume d'affari è diminuito del 5,1%, scendendo dai 2,25 miliardi di dollari del 2012 ai 2,13 dell'anno scorso.

Questo risultato segna il record negativo addirittura dal 1997 ad oggi, anno in cui le sale da gioco generarono 1,98 miliardi di dollari. Il record, invece, appartiene al 2007, quando si raggiunsero i 2,89 miliardi di dollari.

Poco dopo la metà della prima decade del nuovo millennio, la competizione portata da altri nuovi mercati del gioco regolati ha cominciato a erodere quote di mercato ai casinò del Mississippi e i volumi d'affari hanno iniziato a diminuire inesorabilmente.

In particolare, a soffrire maggiormente sono stati i casinò del fiume Mississippi, che in sei anni hanno perso qualcosa come il 33%: da 1,58 miliardi di dollari nel 2007 a 1,07 nel 2013.

E le cattive notizie, per lo stato, non finiscono qui. Il prossimo 4 marzo, infatti, la Florida discuterà della possibilità di espandere il mercato del gioco da casinò.

Commentando questo trend preoccupante, il direttore esecutivo del Mississippi Gaming Commission, Allen Godfrey, ha dichiarato:

"Penso che la competizione stia influendo negativamente su tutti. È impossibile dire come andrà a finire. Ma se si espandessero (parla della Florida, ndr), ne sentiremmo l'impatto". E ancora: "Già ora sentiamo l'impatto dei casinò dell'Alabama e di West Memphis".

Nonostante ciò, il Mississippi può consolarsi col fatto di non essere l'unico mercato dei casinò, negli Stati Uniti d'America, che nel 2013 ha perso parecchio.

L'Ohio è crollato del 9,8% (1,07 miliardi di dollari), l'Indiana del 7,6% (2,5 miliardi), Atlantic City del 6% (2,86 miliardi) e la Pennsylvania dell'1,4% (3,11 miliardi).

Un piccolo raggio di speranza comunque si vede all'orizzonte, dato che molti dei casinò della costa, e della Lower River Region, hanno cominciato a investire milioni di dollari nelle proprietà, sperando di convertire le proprie strutture in luoghi del divertimento maggiormente poliedrici.

L'obiettivo è attrarre più visitatori, come ha spiegato Larry Gregory.

Queste, infatti, le parole del direttore esecutivo del Mississippi Casino Operators Association:

"La Gulf Coast sta andando bene. Certo, potrebbe andare meglio, ma stanno mantenendo il loro prodotto. Dovranno farlo, perché la gente non verrà più solo per giocare alle slot machine. Vogliono molto di più, per spendere i loro dollari".