Marsiglia: semaforo verde per il nuovo casinò sul mare

Marsiglia: semaforo verde per il nuovo casinò sul mare

Scritto il 29/07/13 - da Giovanni Angioni Notizie

Il Casinò Municipale di Marsiglia, la città francese che ospita 4,5 milioni di turisti all'anno, non sarà costruito nell’ex sede della SNCM come annunciato.

Nonostante le sue dimensioni (20.000 mq), l'isoletta della SNCM non sarà utilizzata per la realizzazione di una casa da gioco – a sostenerlo è Jean-Claude Gondard, segretario generale ai  servizi del Comune di Marsiglia.

Nonostante il probabile cambio di destinazione, però,  il progetto rimane vivo e pronto a partire.

Il consiglio comunale ha infatti approvato la costruzione di un casinò sul molo J4proprio di fronte al MuCEM e la Villa Méditerranée.

"Nei piani di Euroméditerranée c’è sempre stata l’intenzione di costruire un grande impianto sul terreno situato sulla parte nord del molo J4, quella che si affaccia proprio sulle banchine", ha continuato Jean-Claude Gondard.

Discutendo dell'entusiasmo degli investitori riguardo alla scelta del nuovo sito, il Comune di Marsiglia ha spiegato come la scelta di costruire un casinò sul molo J4 sia stata presa alla fine di un lungo processo di selezione.

"Riceviamo regolarmente proposte. Abbiamo anche avuto una richiesta da un cinematografico che aveva pensato di aprire lì un nuovo un cinema d'essai nel sito”.

NO AL CINEMA, SÌ AL CASINÒ

Ma i cinefili dovranno aspettare, visto che per ora il consiglio comunale ha deciso per l'opzione casinò. Un’opzione, quella scelta, che dovrebbe contribuire a far crescere il bilancio della città.

"Puntiamo alla realizzazione un grande stabilimento che potrebbe portare decine di milioni di royalties solo con le operazioni standard", ha dichiarato il capo dell'amministrazione comunale.

Per il momento, però, l'operazione è ancora nelle sue fasi preliminari. Così, prima di gridare "Bingo", il progetto dovrà passare attraverso un lungo processo amministrativo.

"Il progetto potrebbe essere completato in quattro o cinque anni a partire da oggi," ha spiegato Gondard.

Durante questo periodo, la città lancerà un invito a presentare progetti e selezionerà un operatore al quale affidare  la gestione dello stabilimento attraverso una delega di servizio pubblico).

All’entusiaso generale si contrappone la voce del gruppo di opposizione al progetto "Marsiglia per vincere" (SP, Modem, Société Civile)  che non nasconde un marcato scetticismo circa l'installazione di una casa da gioco - specialmente in relazione ai problemi sociali che storicamente affliggono la città di Marsiglia.

FRANCIA, PATRIA DI SALE DA GIOCO

Quello di Marsiglia sarebbe l'ultimo dei tantissimi casinò sorti negli ultimi decenni in terra di Francia. I nostri "cugini" hanno optato per una linea molto diversa dalla nostra, investendo sui casinò come centri di intrattenimento a 360° gradi, cosa che le sale da gioco italiane hanno cominciato a fare solo di recente.

Per non parlare appunto della quantità: se in Italia esistono solo quattro casinò (Campione, Saint Vincent, Venezia e Sanremo), in Francia praticamente ogni centro di interesse turistico può contare su una sala da giochi nei paraggi.