Marco Traniello: stella nascente del poker italiano

Marco Traniello: stella nascente del poker italiano

Scritto il 26/11/09 - da Giacomo Gaggiotti Notizie

Marco Traniello nasce a Gaeta il 14 agosto 1973. Svolge la professione di parrucchiere finché non decide di intraprendere un viaggio negli States. Il destino vuole che parcheggiasse la sua auto proprio accanto a quella di Jennifer Harman nel parcheggio del Mirage Hotel and Casino.

Immediatamente le chiede di andare a ballare e Jen non si lascia scappare l'occasione. Da lì nasce una bellissima storia d'amore che li porta ben presto all'altare. Affascinato dal mondo della moglie, Marco, si avvicina subito ai tavoli da gioco.

Traniello inizia subito in mezzo alle grandi star del poker, grazie alle conoscenze della moglie, giocatrice di fama mondiale quali Erick Lindgren, Carlos Mortensen e Daniel Negreanu. Questo gli permise di bruciare le tappe e di divenire presto un buon giocatore.

Inizia con i tavoli cash e ben presto si appresta a giocare ai tornei. La sua prima apparizione alle World Series of Poker del 2005 lo vede qualificarsi in sette eventi differenti, stabilendo un nuovo record per i premi WSOP. Nello stesso torneo del 2006, Traniello vince altri quattro premi in denaro, affermandosi tra i giocatori di poker col più alto PPP.

Nel 2007 si è classificato al quinto posto nel $10,000 Pot Limit Omaha event delle World Series of Poker, portandosi a casa 156.435 dollari, e questo risultato rappresenta il suo maggior successo in carriera, almeno in termini monetari. La fama gli garantisce anche una collaborazione con il "Card Player Magazine". Nel 2007 si calcola che abbia accumulato col poker sportivo una cifra che supera i 360.000 dollari.

Quando non sta partecipando ad una delle partite domestiche più eccitanti del mondo, è possibile trovare Marco ad uno dei tavoli online di Full Tilt Poker. Siccome ha la possibilità di giocare regolarmente con i più grandi giocatori del mondo, oltre che con sua moglie Jennifer, si può essere sicuri che il futuro di questa stella nascente sarà ancora più brillante. Sentiremo ancora parlare di lui.

Altri player italiani in rampa di lancio

Ovviamente Traniello non è l'unico giocatore di poker italiano con velleità di successi, presenti e futuri. Tra i migliori in circolazione c'è per esempio anche Max Pescatori, forse l'azzurro più noto a livello internazionale. D'altro canto Max ha passato molti anni della sua vita a Las Vegas, dove ha cominciato a lavorare come dealer. Poi è passato dall'altra parte del tavolo, con ottimi risultati, come testimoniano i due braccialetti vinti alle World Series of Poker.

Attenzione poi anche a Dario Minieri, altro giocatore italiano capace di vincere un braccialetto alle WSOP. Il giovane romano (ha solo 24 anni) è un esponente della nuova scuola, quella dei player formatisi giocando a poker online. Il suo stile super aggressivo lo ha reso ben presto un cliente scomodo per tutti i giocatori al tavolo.