Las Vegas Sands e MGM verso il Giappone

Las Vegas Sands e MGM verso il Giappone

Scritto il 24/10/13 - da Giovanni Angioni Notizie

A breve dovrebbe arrivare la legge per l'apertura dei casinò nel paese del Sol Levante.

Las Vegas Sands Corporation e MGM Resorts International stanno studiando nuove locazioni per costruire altri casinò. Dove? Ma in Giappone naturalmente, dove l'assegnazione a Tokyo dei Giochi Olimpici 2020 potrebbe essere la spinta giusta verso una legge che legalizzi il gioco d'azzardo terrestre.

La capitale giapponese ha battuto la concorrenza di Madrid e Istanbul, e ospiterà per la seconda volta le Olimpiadi, dopo l'edizione del 1964. I piani per rivitalizzare le infrastrutture di Tokyo ed assicurare tutte le migliori comodità per i tantissimi turisti previsti per la manifestazione inizieranno a breve.

La decisione del Comitato Internazionale Olimpico ha contribuito ad alimentare le voci secondo le quali il Giappone potrebbe approvare a breve una legge sul gambling, dato che il suo sviluppo permetterebbe di creare nuovi hotel e strutture di intrattenimento che potrebbero essere utilizzate durante i giochi. Per non parlare del fatto che i casinò creerebbero nuovi posti di lavoro e potrebbero iniettare nell'economia giapponese fino a 10 miliardi di dollari l'anno.

Il potenziale nuovo mercato asiatico sta attirando l'interesse di un po' tutte le grandi aziende del settore, incluse la Caesars Entertainment Corporation e la Melco Crown Entertainment. Di una legge sul gioco d'azzardo terrestre in Giappone se ne parla ormai da due anni, dopo la tragedia dello tsunami che ha colpito le coste nel 2011.

"Stiamo cominciando a vagliare vari progetti e partner potenziali e stiamo iniziando davvero a investire di più in tutto ciò", ha affermato Steven Tight, presidente per lo sviluppo internazionale della Caesars di Las Vegas. Per il momento però, Tight ha preferito non parlare di cifre o di questi potenziali partner.

Eppure tra le aziende che potrebbero essere interessate a una partnership con i colossi del gambling americano potrebbero esserci la Mitsubishi, la Itochu Corporation, la Mitsui & Co e due importanti aziende informatiche attive nel settore dei videogiochi, la Sega Sammy Holdings Inc. e la Konami Corporation.

Giappone, un mercato che fa gola ai colossi dei casinò

Secondo gli analisti, quello giapponese potrebbe essere facilmente il terzo mercato mondiale dei casinò terrestri, dietro agli inarrivabili Macao e Las Vegas, visto che da quelle parti la voglia di gambling è davvero tanta - per non parlare del fatto che siamo di fronte a una delle mete turistiche più gettonate.

Va da sé che tutte le principali aziende del gioco d'azzardo terrestre farebbero carte false pur di mettere le mani su una fetta della torta. Ancora è presto per capire quali potrebbero essere i futuri sviluppi, anche se molto probabilmente i giapponesi vorranno mantenere un certo controllo sulle eventuali nuove strutture, favorendo la creazione di joint venture tra aziende estere e aziende locali.