Effetto-Sandy, giù i casinò di Atlantic City

Effetto-Sandy, giù i casinò di Atlantic City

Scritto il 21/11/12 - da Morganti, Ana Notizie

Nel mese di ottobre, le entrate sono diminuite addirittura di quasi il 20%, assestandosi sui 209,4 milioni di dollari.

C'era molta preoccupazione tra gli operatori del mercato dei casinò di Atlantic City, dopo il disastro dell'uragano Sandy. Preoccupazione che viene confermata dai report finanziari del mese di ottobre, che hanno rivelato una pesantissimo -19,9% sulle entrate, per un totale di 209,4 milioni di dollari. Pesa soprattutto il calo delle slot machine, che scendono del 21,8% (149,1 milioni di dollari), ma si comportano male anche i giochi da tavolo: -14,6% e 60,2 milioni di dollari.

Sandy ha costretto i casinò di Atlantic City a una chiusura di sei giorni, sebbene per fortuna le strutture non abbiano subito grossi danni. È lecito ritenere che anche il mese di novembre risulterà particolarmente difficile per il gambling della capitale del gioco del New Jersey, visto che gli abitanti della zona tutto avranno in mente fuorché di andare a spendere i propri soldi alla roulette o al video poker.

A subire particolarmente il calo di ottobre è stato il Revel, nuovissimo complesso da 2,4 miliardi di dollari, che ha fatto segnare il suo mese peggiore, con soli 9,3 milioni di dollari di entrate, più di 4 milioni in meno rispetto a settembre. Male anche il Taj Mahal Casino Resort, che ha perso qualcosa come il 38%, scendendo a 18,6 milioni.

Tra i bocciati anche il Bally's Atlantic City (-33%, 19,8 milioni), il Trump Plaza Hotel and Casino (-32,5%, 6,6 milioni), lo Showboat Casino Hotel (-27,2%, 15,1 milioni), il Resorts Casino Hotel, (-25,3%, 9,5 milioni), il Tropicana Casino Resort (-21,4%, 16,1 milioni) e il Borgata Hotel Casino (-21%, 42 milioni). Pollice verso pure per l'Harrah's Resort Atlantic City (-18,3%, 26,6 milioni), il Caesars Atlantic City (-16,7%, 26,9 milioni), l'Atlantic Club (-7,1%, 10 milioni) e il Golden Nugget Atlantic City (-4,3%, 8,6 milioni).

Commentando gli ultimi risultati delle sale da gioco, il presidente della Casino Control Commission, Matthew Levinson, ha spiegato: "I numeri dimostrano chiaramente che la tempesta ha avuto un impatto notevole sui nostri casinò, ma con danni strutturali molto limitati. Quando la regione tornerà alla normalità, così sarà anche per i casinò". In generale, però, nei primi 10 mesi del 2012, i casinò di Atlantic City hanno perso il 6,2%. Con o senza Sandy.

Futuro grigio per i casinò del New Jersey

Vero, Sandy ha senza dubbio amplificato la portata dei problemi, ma che le sale da gioco di Atlantic City abbiano cominciato a zoppicare prima ancora di questo disastro naturale è sotto gli occhi di tutti. Il New Jersey sta iniziando a pagare la concorrenza degli stati confinanti, che si sono attrezzati per fornire un'offerta di gioco evidentemente sufficientemente allettante per strappare ad Atlantic City quei giocatori che abitano ad esempio al confine con la Pennsylvania.