Che differenza c'è tra baccarat e mini baccarat?

Che differenza c'è tra baccarat e mini baccarat?

Scritto il 19/11/14 - da Morganti, Ana Notizie

Le regole di base di questi due giochi sono sostanzialmente le stesse. Quello che cambia è il layout del tavolo, la velocità di gioco e altri dettagli però fondamentali.

Il baccarat e il mini baccarat non sono propriamente lo stesso gioco: il formato e la velocità del gioco stesso sono leggermente diversi. A conti fatti, il baccarat è un gioco divertente da giocare, mentre il mini baccarat rischia di essere un po'… pericoloso.

Il baccarat si gioca solitamente nelle sale dedicate agli high roller, su un tavolo che può ospitare almeno 12 giocatori; spesso la puntata minima è di 100 euro e al lavoro ci sono almeno tre dealer e un floorman. La particolarità è che anche i giocatori possono distribuire le carte, cosa che rappresenta un'eccezione nel mondo dei casinò. Il baccarat, poi, è un gioco elegante e per certi versi aristocratico. Tra l'altro, è anche il gioco preferito da James Bond.

Il mini baccarat, invece, si gioca su un tavolo molto più piccolo, dalle dimensioni simili al tavolo del blackjack (o leggermente più grande). Il dealer è uno solo ed è l'unico che può toccare e distribuire le carte, cosa non permessa ai giocatori. Il gioco è veloce, forse più di qualsiasi altro gioco da casinò. E naturalmente più un gioco è veloce, meglio è per il casinò stesso, perché il vantaggio della casa, per quanto piccolo, si amplifica.

Norme generali e gioco del baccarat

L'obiettivo di entrambi i giochi è indovinare l'esito della mano giocata: vittoria del banco, vittoria del giocatore o pareggio (una puntata che però è talmente sconveniente che andrebbe sempre evitata). Due carte vengono distribuite al banco e due al giocatore: a volte viene distribuita una terza carta (a uno dei due o ad entrambi, a seconda di regole prestabilite).

La mano che più si avvicina a 9 punti vince: mani che formano un 9 o un 8 con due carte si chiamano "naturali" e non pescano la terza carta, con il 9 che batte sempre l'8. Nel baccarat, le carte si distribuiscono in senso orario. Il giocatore che distribuisce le carte continua fino a quando il banco vince: quando la mano del giocatore prevale, tocca al successivo occuparsi della distribuzione.

Chi punta sulla vittoria della mano del giocatore, riceve un pagamento di 1 a 1: si puntano 100 euro, se ne vincono 100. Puntando sulla vittoria del banco si ricevono 95 euro su 100 puntati, perché c'è una commissione del 5%. Il pareggio paga invece 8 a 1. Se si punta su banco o giocatore ed esce un pareggio, non si vince né si perde nulla. Ignorando la puntata del pareggio, il vantaggio della casa sulla puntata del banco è dell'1,17%, mentre quello sulla puntata del giocatore è dell'1,36%.

Il mini baccarat

BaccaratNel mini baccarat, i giocatori come detto non toccano né distribuiscono le carte. In pratica, sta tutto nella velocità con qui il dealer distribuisce… e vi assicuriamo che è molto alta. Il numero di mani giocate in un'ora spesso va da 120 ad addirittura 200. Molti casinò hanno deciso di eliminare i tavoli di baccarat, o ridurli, durante i fine settimana. Così facendo, risparmiano sullo stipendio dei dealer e guadagnano più soldi, dato che possono avere più tavoli attivi.

Il fatto che il mini baccarat abbia limiti più bassi, spinge anche un numero maggiore di giocatori a provare questo gioco. L'equazione tavolo più piccolo + un solo dealer + velocità folle + limiti bassi + tanti giocatori rende dunque il mini baccarat uno dei giochi più proficui per il casinò.